Creato da pastuweb.com
Share My Page
My Social Accounts
Account FaceBook Account LinkedIn Account Twitter Account Google Plus Account Git Hub

Tutte la banche oggi offrono una piattaforma di trading e mettono a disposizione del cliente un conto deposito con servizio di marginazione per operare su tantissimi titoli (azioni, ETF, indici, commodity, certificates, etc).

Con marginazione si intende la modalità di trading che permette di assumere posizioni long o short impegnando soltanto una minima  parte capitale. Questa parte è denominata "margine" mentre quella residua (differenziale) è corrisposta dalla Banca tramite operazioni di Prestito Titoli.

Le operazioni a margine sotto intendono l'utilizzo della leva finanziaria, questo appunto permette di moltiplicare il rendimento (profitti) ma anche di moltiplicare le perdite.

Esempio :

ho 1000€ da investire, quindi vado in banca mi apro un conto deposito a margine e ci deposito i miei 1000€. Questo è il mio capitale. La banca poi mi offre un margine iniziale ad operazione del 5%. 

Titoli preferiti:

  Bid Ask
FCA 15 16
ENEL 4 5

 

Lo spot price (prezzo di mercato) è nel mezzo. Se acquisto devo guardare l'ask price, se vendo o vado in short devo guardare il bid price. La differenza bid/ask è il profitto della banca.

SENZA MARGINE, SENZA LEVA: apro due posizioni, 160€ a posizione, in tutto 160€.

  • 160€ / 16 = 10 azioni FCA
  • 160€ / 5 = 32 azioni ENEL

Mi rimangono come capitale investibile solo più 680€.

Ipotizziamo anche che vanno antrambe in profitto dopo circa un'ora, +2% FCA e +3% ENEL e decido di venderle:

  • FCA => 160€ + 3,2€ = 163,2€ lordi
  • ENEL => 160€ + 4,8€ = 164,8€ lordi

Capitale = 1000€ + 8€ = 1008€ (poca roba, ho investito 320€ e ho fatto un +2,5% del capitale investito)

CON MARGINE e LEVA 10:

decido di sborsare sempre 160€ per FCA e 160€ per ENEL però utilizzo una Leva 10, quindi è come se spendessi 1600€ + 1600€ = 3200€.

  • FCA = 1600€ / 16 = 100 azioni
    • Disponibilità: 1000€ - 160€ = 840€
    • Equity: 1000€
    • Margine richiesto(10%): 160€
    • Margine di mantenimento o Margine iniziale(5%): 1600x0,05 = 80€

La Disonibilità deve essere > Margine inziale, altrimenti non posso aprire altre posizioni.

L'Equity deve essere > Margine Iniziale, altrimenti viene chiusa in automatico una delle posizioni sofferenti e l'importo viene portato a Disponibilità.

  • ENEL = 1600€ / 5 = 320 azioni
    • Disponibilità: 840€ - 160€ = 680€
    • Equity: 1000€
    • Margine richiesto(10%): 160€
    • Margine di mantenimento o Margine iniziale (5%): 80€ + 1600x0,05 = 160€

Ipotizziamo di nuovo che vanno antrambe in profitto dopo circa un'ora, +2% FCA e +3% ENEL e decido di venderle:

  • FCA => 1600€ + 32€ = 1632€ lordi
  • ENEL => 1600€ + 48€ = 1648€ lordi

Capitale = 1000€ + (32€+48€) = 1080€ (Ottimo, ho investito 320€ e ho fatto un +25% del capitale investito )

Tutto bellissmo finchè si sta in gain (profitto), ma ovviamente si potrebbe anche andare in perdita della stessa cifra. Quindi prodotti a leva...ok, ma non usare leve troppo elevate perchè, come in questo caso, ad ogni rialzo/ribasso del 1% del sottostante reale (FCA o ENEL), corrisonde  un rialzo/ribasso del 10% dello strumento a leva. Quindi Attenzione!!!

I prodotti a leva/margine sono prodotti derivati, semplici da usare che possono portare a grandi profitti ma anche grandissime perdita. Bisogna utilizzarli solo quando si è sicuri del trend rialzista/ribassista del sottostante sul quale si vuole investire. Controllare sempre gli indicatori, rumors prima di investire in prodotti a leva.

Di prodotti a leva ne esistono moltissimi, CFD, ETF, Certificates...forse quelli meno rischiosi sono gli ETF a leva questo perchè sono a leva contenuta: 2-3. Attenzione lo stesso!!

CFD

Molti speculatori invece di affidarsi alle piattaforma bancarie che offrono si la leva finanziaria, ma comunque abbastanza contenuta, si parla di leva 3--7-10, si affidano a dei Broker online, broker di CFD (es Plus500) che utilizzano una leva molto ma molto più elevate anche tra 20-60 se non di più.

Il CFD (Contract For Difference), è uno strumento finanziario il cui prezzo deriva dal valore di altre tipologie di strumenti d'investimento, quindi fa parte della famiglia dei derivati. Anziché negoziare o scambiare fisicamente l'attività finanziaria, il CFD rappresenta un'operazione in cui due parti convengono per scambiare denaro sulla base della variazione di valore dell'attività sottostante che intercorre tra il punto in cui l'operazione viene aperta e il momento in cui la stessa viene chiusa. 

Gli investitori di CFD devono rispettare un certo margine, definito da intermediazione o market maker. Uno dei vantaggi di cui gode l'investitore non dovendo offrire l'intero valore speculativo del CFD come garanzia collaterale è la possibilità di controllare una posizione maggiore con un dato capitale e quindi amplificare il potenziale di profitto o perdita. Allo stesso tempo però, le posizioni caratterizzate da leva finanziaria quando si ha un CFD volatile, nel caso di ribasso possono esporre l'acquirente a una richiesta di integrazione (in inglese margin call) che spesso sfocia in una sostanziale perdita di azioni.

I prodotti a leva vanno bene per operazione intraday o multi-day ma non di mesi o anni anche perchè è presente una commissione OverNight. Tale commissione è assente negli investimenti classici (che non utilizzano leva e margine).
Link utili: