Creato da pastuweb.com
Share My Page
My Social Accounts
Account FaceBook Account LinkedIn Account Twitter Account Google Plus Account Git Hub

L'aumento di capitale è un atto di carattere straordinario che si realizza:

  • con la modifica del patrimonio netto (aumento a pagamento)
  • o con la semplice imputazione di riserve o fondi di bilancio in quanto disponibili (aumento gratuito).

In entrambi i casi l'aumento può aver luogo con l'emissione di nuovi titoli o con l'incremento del valore nominale delle vecchie azioni.

Aumento di capitale a pagamento

Si sottoscrivono nuove azioni, dietro pagamento di un corrispettivo. L'azionista può scegliere se sottoscrivere o meno le nuove azioni, esercitando il diritto di opzione, oppure può vendere sul mercato il suo diritto di opzione. In genere, una società delibera un aumento di capitale a pagamento quando ha bisogno di liquidità per effettuare investimenti o per riprendersi da una situazione finanziaria negativa.

 

Se l'aumento di capitale è fatto per permettere alla società di fare nuovi investimenti questo probabilmente in futuro farà aumentare il valore dell'azione e dunque ci sono le prospettive per investire e sottoscrivere nuove azioni. Viceversa, se l'aumento di capitale serve per risollevarsi da una situazione finanziaria negativa è probabile che l'azionista decida di vendere i suoi diritti di opzione.

Aumento di capitale gratuito

Il capitale sociale è aumentato grazie alle riserve disponibili accantonate. Ai vecchi azionisti sono assegnate gratuitamente nuove azioni, oppure viene aumentato il valore nominale delle loro azioni esistenti (in questo caso non c'è emissione di nuove azioni). 


I titoli devono essere offerti in opzione ai soci in proporzione delle azioni/quote possedute per consentire ai soci di mantenere inalterata la loro quota % di partecipazione al capitale sociale.

Il piano di ricapitalizzazione è una delle strade per il riassetto della societa'.

 

Alcuni esempi di questi giorni

Aedes  crolla dopo il via libera all'aumento di capitale. L'operazione rappresenta l'ultimo step del processo di ristrutturazione sul patrimonio della società. L'aumento inizierà lunedì 8 giugno 2015 per terminare il 25 dello stesso mese, mentre i diritti saranno negoziabili fino al 19 giugno. 8 nuove azioni ogni titolo posseduto. Le nuove azioni verranno offerte al prezzo unitario di 0,46 euro.

L'aumento costituisce parte di un processo di "risanamento" aziendale, basato su un accordo di investimento e su accordi di ristrutturazione dei debiti con il ceto bancario, che l'emittente ha avviato nel corso del 2014, a fronte di un significativo deterioramento economico patrimoniale e finanziario del gruppo.

Potrebbe permanere a livello di gruppo, una situazione di tensione finanziaria a breve termine.

Il giorno 9/06/2015 13:05 sta facendo +14,25% con prezzo 0,76 euro.

3/6 4/6 5/6 8/6 9/6
      aumento reale di capitale  
-1,18% -4% -16,6%

-63,5% (da 2€ a 0,73€)

+58,7% (da 0,46€ a 0,73€ nuove azioni)

+13,69%


Saipem: 5 giugno, non ha mai confermato l'ipotesi di un aumento di capitale in arrivo. Molto volatile sul mercato anche perchè un grosso azionista di maggioranza, ENI, potrebbe vendere il 20%. L'operazione permetterebbe di raggiungere il duplice obiettivo di diluire Eni  sotto il 30%, con conseguente deconsolidamento di Saipem, e alla societa' di ingegneria di abbattere considerevolmente il debito, consentendo un successivo accesso diretto al mercato del debito. ENI scenderebbe così a poco più del 20% dopo la cessione, e il FSI potrebbe pagare tra 0,8 e 1 miliardo di euro, in una fascia d'oscillazione tra il -14% e il +8% rispetto all'attuale prezzo di mercato. La fase successiva del progetto porterebbe invece al lancio dell'aumento di capitale tra 1,5 e 2,5 miliardi di euro, al quale i due soci aderirebbero pro-quota. I colleghi di Banca Akros invece ritengono improbabile il lancio di un aumento di capitale da parte di Saipem che sarebbe sottoscritto sia da ENI che dal Fsi, perchè questo annullerrebbe almeno in parte per la controllante i benefici legati alla cessione del 20% al Fondo Strategico.
Oggi 9 giugno è a -6,74%. Ancora pesante penalizzata dai timori di un aumento di capitale.

 

2/6 3/6 4/6 5/6 8/6 9/6
    ipotesi aumento      
-0,17% +1,29% -12,80% -2,4% +4,12% -6.94%