Creato da pastuweb.com
Share My Page
My Social Accounts
Account FaceBook Account LinkedIn Account Twitter Account Google Plus Account Git Hub

L'Analisi Tecnica non serve a prevedere o a interpretare i mercati. Il suo unico e solo utilizzo è sezionare il "qui e ora" di un mercato per operare in modo razionale. Ha come obiettivo l'individuazione di situazioni in cui il rapporto reward/risk (rendimento/rischio) è potenzialemente profittevole.

L'Analisi Tecnica trae dal prezzo tutte le informazioni utili al processo decisionale, basandosi sull'assunto che quest'ultimo contiene tutto e lo riassume in se. Non prevede il futuro. Il suo fine è invece di cercare di identificare al meglio la situazione corrente e le sue probabilità di persistenza o di cambiamento. 

Le quatto leggi che la regolano:

  • il prezzo contiene in sè tutte le informazioni disponibili e necessarie. I mercati sono gli unici giudici di se stessi. Un mercato può restare in ipercomprato o ipervenduto molto a lungo, prima di correggere o rovesciare il trend.
  • i mercati si muovono in trend (tendenze). Implica che i mercati non vanno combattuti ma assecondati.
  • un trend è una sequenza di massimi e minimi crescenti/decrescenti, che perdura fino a quando non ne è provata l'inversione.
  • la storia si ripete e con essa gli errori di investitori /operatori.

Tendenza o Controtendenza

Due strategie di base:

  • in tendenza (trend following)
  • controtendenza (controtrend)

Il "Trend Follower" agisce assecondando una tendenza esistente e cercando disfruttare le caratteristiche fisiche di persistenza e continuità. Chi agusce in COntrotrend, definito come "Cercatore", persegue esattamente l'intento opposto. Cerca difatti di identificare le possibili inversioni. Il Trend Follower quindi è essenzialmente un operatore disciplinato, che demanda al amercato la definizione del trend.

Nel trading, bisogna saper aspettare. Bisogna saper controllare le proprie pulsazioni e attendere i livelli in cui è più probabile che il mercato reagisca. 

La selezione dei livelli (linee immaginarie che collegano i punti di flesso) su cui operare è il primo fondamentale tassello di esperienza per il trader --> vanno analizzati i tipici grafici a barre. I livelli sono identificati dai punti di flesso che costituiscono i supporti e le resistenze più evidenti, il compito del trader è quello di selezionarli, filtrarli e metterli in ordine di importanza. Se un determinato livello è stato attraversato più volte, senza generare reazioni degne di nota, ha perso la sua capacità di generare reazione, diventando quindi ininfluente. Ogni volta che un livello di prezzo viene testato, si carica come una molla. Il concentrarsi di ordini in un intorno del livello stesso cresce ogni volta che viene testato, per questo si carica come una molla. La sua importanza aumenta proporzionalmente con la frequenza con cui viene validato/testato. Il supporto prima testato e poi rotto con violenza, diventerà una resistenza importante.

Si dia un occhiata alla documentazione relativa agli Indicatori e Conferme e Patterns e Candelstick