Creato da pastuweb.com
Share My Page
My Social Accounts
Account FaceBook Account LinkedIn Account Twitter Account Google Plus Account Git Hub

Bisognerebbe considerare solo le aziende con questi parametri:

  • alto ROE
  • con adeguato P/E calcolato sulla media degli utili a 5 o 10 anni. Quindi quelle non sopravvalutate ossia con un prezzo non superiore a 20 x EPS
  • che pagano dividedni regolari
  • sufficientemente grandi
  • con un debito non eccessivo

Inoltre si dovrebbe valutare anche l'esposizione al mercato estero, e per esposizione si intende "export". Un'azienda che si cala nel categoria del lusso o dei beni industriali avrà una certa esposizione al mercato estero e quindi arà soggeta a più varibiali macro e valutarie rispetto ad una più piccola e confinata nel paese di appartenenza.

Quindi va bene considerare il conto economico e lo stato patrimoniale ma non sottovalutare le variabili macroeconomiche.

Il limite di guadagno di ogni inestimento si puà considerare pari al 20%. Il grande W. Buffett è riuscito ad ottenere questa media di incremento sul proprio capitale ogni anno.

Una delle principali ragioni per rimanere in una azione per sempre è di evitare di pagare tasse sui Capital Gain e aspettare che magari qualche politica finanziaria cambi. Proprio come eè successo nel Luglio del 2014 che la tassazione per le rendite finanziarie è passata dal 20% al 26%.  Forse in futuro ci potrà essere un decremento o un ritorno al 20%.

Alcuni dei consigli di Buffett:

  • la disciplina negli investimenti è probabilmente la dote più importante. Evitare di farsi prendere dal panico nei momenti di crisi dei mercati è una qualità che soltanto pochi investitori riescono ad esibire.
  • prima di acquistare un azione ripercorrere i motivi che ci stanno spingendo a farlo.
  • evitare di prendere a prestitio denaro per investirlo. Operare a margine, per esempio, comporta egli interessi che possono superare anche il 20% annuo, e dunque sarà praticamente impossibile riuscire a far soldi con l'investimento in azioni, visto che le migliori azioni riescono a garantire un ritorno intorno al 20% annuo. Evitare di prendere denaro a prestito anche se dovesse essere disponibile a bassi tassi, perchè il rimborso del denaro preso in prestitio avviene a intervalli regolari, metre il prezzo delle azioni è imprevedibile.