Creato da pastuweb.com
Share My Page
My Social Accounts
Account FaceBook Account LinkedIn Account Twitter Account Google Plus Account Git Hub

E' possibile anche operare automamente sui mercati finanziari, non bisogna necessariamente passare per gli investitori istituzionali (= i vari tipi di fondi).

Basta recarsi in banca per acquistare determinati titoli o anche tramite il computer di casa usando specifici programmi o siti.
 
Negli ultimi anni si sono moltiplicati i siti Internet che permettono di realizzare le operazioni più improbabili.
 
Alcuni siti sponsorizzano le opzioni binarie, in pratica si scommette sul fatto che un titolo sale o scende.
Altri invece permettono di operare sui mercati con una leva di 200 a 1. In pratica si può speculare sull'andamento di una valuta e vincere o ovviamente perdere fino a 200 volte la somma investita. Su alcuni di questi si possono limitare le perdite al capitale iniziale, ma con una leva di 200 a 1, significa che basta una fluttuazione sfavorevole dello 0.5 per PERDERE TUTTO L'INVESTIMENTO.
 
Quindi si può dire che negli ultimi anni la finanza è entrata nelle case di tutti, grazie ad Internet.
 
E' grazie alle risorse apportate da tutti noi, sia tramite l'affidamento agli investitori istituzionali sia in proprio, che si alimentano i mercati finanziari.
Nulla di male se questo fosse un canale per finanziare le imprese e le attività produttive, MA non è così.
 
Se uso un sito con leva 200 a 1, io sto solo speculando non sto investendo su un impresa.
 
Se da una parte queste risorse alimentano la speculazione e quindi l'instabilità e le crisi, dall'altra i capitali dei piccoli risparmiatori rappresentano il bacino ideale da cui estrarre ricchezza.
 
La differenza tra una speculazione fatta da un piccolo risparmiatore e quella fatta da una banca o da qualche fondo è che NON SI HANNO A DISPOSIZIONE LE STESSE INFORMAZIONI.
Chi è in posizione di forza sui mercati, avendo a disposizione maggiori informazioni ed esperienza può sfruttare i piccoli risparmiatori tanto per alimentare il mercato (vendere titoli, far salire il valore) quanto per scaricare perdite e rischi (ricordare le cartolarizzazioni).
 
Quindi chiunque può partecipare, ma dove in realtà solo in pochi riescono a uscire vincitori.
Average (1 Vote)
The average rating is 5.0 stars out of 5.